INDICAZIONI DEL POLLINE

Home / Blog / INDICAZIONI DEL POLLINE

A) Sull’uomo che sta bene, il polline sarà preso allo scopo:

  • di lenire eventuali avitaminosi, sali minerali, aminoacidi ecc. dall’alimen­tazione in periodo normale ed in occasione di periodi fisiologici particola­ri come la gravidanza, l’allattamento, ecc.

  • di ottenere un miglior rendimento fisico e intellettuale nel quadro delle normali attività.

  • di rinforzare il terreno nella lotta contro le aggressioni esterne, segnalando i suoi notevoli effetti preventivi nel quadro dalle malattie d’origine virale e molto particolarmente contro la influenza stagionali.

  • di prevenire i disturbi metabolici interni che generano disturbi o malattie a breve o lungo termine.

B) Sull’uomo malato, secondo l’eziologia e la gravità delle malattie in causa il polline potrà essere preso solo o associato ad altre terapie indispensabili nelle sindromi seguenti:

1) INDICAZIONI GENERALI

  • astenie o stati di stanchezza, a tutti i gradi, agendo sia sulla sfera fisica che psichica

  • astenie nel corso di malattia

  • convalescenza

  • surmenage

  • esaurimenti fisici

  • astenie dl vecchiaia

  • astenie nevrotiche o nevrastenia

  • anoressie  o perdita dell’appetito di origine essenzialmente fisiologica o mentale

  • dimagrimento e stati di magrezza sotto tutto le loro forme, e molto particolarmente su bambini sofferenti di denutrizione dava l’effetto è spettacolare

stati carenziali diversi e loro conseguenze:

  • rachitismo

  • ritardi di crescita

  • cattiva dentizione

  •  tipi costituzionalmente deficitarii

  • senescenza o invecchiamento precoce o anormalmente esagerato

2) INDICAZIONI PARTICOLARI 

Sfera digestiva:

  • anoressia per stimolare la funzione gastrica

  • stitichezze sotto tutta le sue forma, dove il polline da risultati in­comparabili e permette di abolire di colpo l’uso di lassativi sempre irritanti e nocivi per l’intestino

  • coliti diverse

  • diarre croniche anche se può sembrare paradossale di primo acchito per il fatto dalla sue maggior indicazione nel trattamento della stitichezza, ma facilmente comprensibile quando si conoscono i meccanismi che generano questi disturbi intestinali e che sarebbero troppo lunghi da sviluppare qui.

  • alcolismo

  • infezioni intestinali croniche  sovente generatrici di colibacillosi.

Si può quindi considerare il polline come un vero regolatore delle funzione intestinale e ciò è importante per la salute.

Sfera cardiovascolare e sanguinea:

  • arteriosclerosi e le sue conseguenze come l’ipertensione arteriosa, che sarà sovente influenzata favorevolmente.

  • fragilità vascolare in generale capillare in particolare.

  • anemie semplici.

Sfera genito-urinaria:

  • colibacillosi per la sua frequente relazione con le infezioni intestinali sulla quali il polline è attivo

  • prostatismo col suo codazzo di disturbi sgradevoli e di complicazioni il polline dà risultati che meritano attenzione come un effetto decongestionan­te antiflogistico e livello della prostata, effetti confermati clinicamente da lavori recenti

  • impotenza e astenia sessuale

Sfera neuro-psichica:

  • nevrastenia, stato nel quale la fatica nevrotica è predominante

  • stati depressivi, riconducibili a un cattivo stato psichico

  • nervosismo

  • insonnia

  • disturbi della memorie

Sfera osteo-articolare:

  • artrosi, o reumatismi cronici i cui sgradevoli sintomi sono spesso allegge­riti

  • Sfera dermatologica

  • nelle fragilità cutanee

  • alcune malattie della pelle ne traggono beneficio

  • caduta dei capelli, viene limitate e a volte anche franata

Sfera visiva:

  • vista affaticata

  • disturbi della visibilità crepuscolare

Sfere metabolica:

  • stati di dimagrimento e denutrizione senza eziologia precisa

  • alcuni stati diabetici saranno favorevolmente influenzati dal polline